Zio Checco e il giornale, ovvero, il perché di una scelta - riflessione

In questo blog potete trovare in lettura integrale e gratuita tutti i miei racconti e le poesie, oltre a qualche saggio. I romanzi "Deanor" e "Un anno da pirata", invece, sono stati pubblicati e sono quindi disponibili seguendo i link che trovate nelle pagine loro dedicate. Sorvolando sulle ovvie ragioni editoriali che impediscono la fruizione gratuita delle opere oggetto di pubblicazione, lasciate che vi racconti una storia vera, protagonista il mio prozio Francesco Fiorucci, detto Checco, alla fine della quale capirete perché io evito accuratamente di:
1. acquistare io stesso i miei romanzi per poi rivenderli;
2. regalare copie degli stessi;
3. effettuare strane triangolazioni del tipo tu lo compri e poi io...

Allora, un giorno della prima metà del '900, il mio prozio andava dal paesello di Pianello a Cagli in bicicletta.
Non c'erano auto, non c'erano servizi, non c'erano praticamente negozi.
Lo ferma un tale e gli fa:
"Checco, vai a Caje?"
"Sì." Risponde il mio prozio proseguendo la strada.
"M' pi' 'l giornale?"
"Sì." E continua pedalando.
Dopo alcune case, altro tale, stessa scena. E ancora e ancora.
Alla fine del paese, uno gli fa un cenno:
"Checco, vai a Caje?"
"Sì." Risponde il mio prozio proseguendo la strada.
"M' pi' 'l giornale?"
"Sì." E continua pedalando.
"Aspetta, du' vai? T' do i soldi!"
Il mio prozio gira la bici, torna indietro fino al tizio.
"Tu m' sa ch'l voi legge."

Non mi va che vi sentiate obbligati ad acquistare una copia che io vi porto di persona.
Non mi va che riceviate una copia omaggio per farla poi finire in cima a polverosi scaffali.
Mi va che mi leggiate. Mi piace quando fate il passo.
Nei rapporti, di amicizia, d'amore, è questo che conta.
Il passo.

Buona lettura!
Cesare

Nessun commento:

Posta un commento